Integrazione DVR rischio biologico

Sanificazione e bonifica condotti e canali impianti aria

Sicurezza sul lavoro

Il Testo Unico in materia di igiene e sicurezza del lavoro (D. lgs. 81/08), prevede che il datore di lavoro valuti tutti i rischi presenti all’interno degli ambienti di lavoro, ivi compreso il Rischio di esposizione ad agenti biologici.

Nelle attività che, pur non comportando la deliberata intenzione di operare con agenti biologici, ma che possono implicare il rischio di esposizione dei lavoratori agli stessi, il datore di lavoro non può prescindere dall’applicazione di misure tecniche, organizzative, procedurali atte ad evitare la gestione del rischio stesso.

A tal fine risulta indispensabile valutare i rischi collegati agli impianti aeraulici ed idrico-sanitari che possono veicolare microrganismi nocivi nell’ambiente lavorativo (funghi, batteri ecc..).

Strumento fondamentale per ridurre il rischio e conseguente gestione dello stesso nel tempo, tramite adozione di misure preventive, rimane la valutazione dettagliata dei punti critici degli impianti per mezzo di un Documento di Valutazione del Rischio.

Ad esempio per quanto riguarda gli impianti idrici dell’acqua sanitaria risultano particolarmente a rischio di sviluppo del batterio della Legionella i boiler, i tratti di impianto più distali e meno utilizzati nelle strutture ecc…

I “punti critici” degli impianti aeraulici invece possono essere costituiti dalle Unità Trattamento Aria, dal reparto filtrante, alcune porzioni di condotte ecc..

L’individuazione dei suddetti punti a rischio e l’effettuazione di periodici campioni di acqua/polveri rappresenta un primo passo indispensabile per la valutazione dei rischi biologici connessi e l’elaborazione di un dettagliato programma di monitoraggio e prevenzione.